logo

OBIETTIVI DIDATTICI TRASVERSALI DELLA SCUOLA PRIMARIA

La Scuola Primaria San Giovanni Battista è una  Scuola Cattolica, modellata sul carisma del Santo Alfonso Maria Fusco, e si propone di fare dell’educazione uno strumento di promozione e di formazione per tutti i bambini, futuri uomini, cristiani e cittadini della società del domani. In riferimento alle scelte  educative dell’Istituto e in linea con le Indicazioni Ministeriali, si propone il compito della prima alfabetizzazione culturale, ponendo le basi per lo sviluppo della personalità del fanciullo ed orienta la sua programmazione sui seguenti obiettivi formativi:

 

  1. Formazione di una coscienza civile che:

Aiuti a formare uomini di sano senso critico e capaci di realizzare scelte responsabili

  • Sviluppi la capacità di comprendere i bisogni e le intenzioni degli altri.
  • Abbia consapevolezza delle varie forme di diversità e di emarginazione nei confronti di persone e culture.
  • Sviluppi la capacità di integrazione e partecipazione attiva ad un sistema di relazioni sociali sempre più vasto e complesso.
  • Sia consapevole del valore della coerenza tra l’ideale assunto e la sua realizzazione in un impegno personale.
  • Promuova la maturazione affettiva, come base per la crescita di una personalità coerente
  1. Sviluppo delle capacità critiche indispensabili per:
  • Comunicare ed esprimere l’esperienza di sé.
  • Promuovere la progressiva costruzione della capacità di pensiero riflesso e critico.
  • Potenziare creatività, divergenza ed autonomia di giudizio per una positiva immagine di sé.
  • Stimolare il senso della creatività, inteso come bisogno di continuo rinnovamento interiore e come desiderio di migliorare la realtà circostante
  • Operare scelte autonome e responsabili.

    3. Promozione e sviluppo di un’educazione alla tolleranza che:

  • Alimenti lo sviluppo e la crescita progressiva dei valori cristiani, offrendo una formazione seria, adatta all’età e alle esigenze dell’alunno
  • Stimoli la riflessione sulle regole e sulle norme della vita associata.
  • Sviluppi il passaggio dalla cultura vissuta, assorbita dall’ambiente di vita, alla cultura come ricostruzione intellettuale.
  • Si fondi sulla convivenza civile, sulla cooperazione e sulla solidarietà nazionale ed internazionale.
  • Educhi al pluralismo ideologico e culturale con un atteggiamento di comprensione , rispetto e dialogo con tutti gli uomini.
  • Illumini le situazioni della vita alla luce del messaggio evangelico.
  1. Promozione di una cultura incentrata sul rispetto e sulla tutela dell’ambiente:
  • Suscitare interesse per un corretto rapporto ecologico uomo/ambiente.
  • Favorire l’osservazione e l’esplorazione per argomentare e spiegare eventi.
  • Sviluppare la capacità di riflettere sulle risorse naturali e le problematiche ad esse inerenti.
  • Saper confrontare i diversi ambienti e comprenderne l’ampiezza del sistema e delle relazioni che lo coinvolgono e lo condizionano.
  1. Formazione di una coscienza e concezione del lavoro, inteso come strumento di

      autorealizzazione e di crescita del benessere sociale per:

  •        Preparare per una società in trasformazione, nella quale ogni persona sappia affrontare con chiarezza le diverse situazioni
  •       Acquisire la consapevolezza dell’impegno personale inteso come valore per la crescita del benessere sociale.

Dagli obiettivi formativi vengono desunti gli obiettivi trasversali, parametri di osservazione comune a tutte le discipline.

L’obiettivo trasversale a tutte le discipline è la formazione e lo sviluppo delle abilità stesse del pensiero sotto il profilo della produzione, della flessibilità, della creatività. A tale scopo la scuola si propone la massima attenzione a promuovere in tutti gli alunni l’apprendimento – sviluppo per:

  • Ampliare il campo della percezione delle idee;
  • Selezionare e graduare l’informazione
  • Organizzare le idee
  • Sviluppare l’interazione con il proprio e l’altrui pensiero;
  • Creare e organizzare nuove idee;
  • Renderle operative.

Sul piano didattico la scuola ha individuato “tre variabili metodologiche qualificanti”:

Variabile 1: realizzare un curricolo formativo che valorizzi la soluzione dei problemi superando la contraddizione di un insegnamento formale astratto.

Variabile 2: promuovere ed incentivare  l’interazione verbale, come base per la costruzione di schemi cognitivi- sociali.

Variabile 3: sviluppare una costruzione del pensiero che muova dalla percezione in un costante rapporto tra esperienza, rappresentazione ed astrazione.

Lo sviluppo di queste  metodologie favorisce, nell’alunno, sia la padronanza (competenza) che la motivazione (impegno) all’apprendimento, proprio attraverso l’interazione cognitiva sociale.

Comportamento sociale

  • Si comporta in modo corretto con i compagni e gli insegnanti.
  • Partecipa attivamente a tutte le attività del gruppo
  • Interviene spontaneamente nelle discussioni
  • Sa mettersi in relazione con i compagni ed insegnanti su un piano di rispetto reciproco

Autonomia operativa

  • Sa programmare il proprio lavoro
  • Sa individuare ciò che sa e/o non sa
  • Sostiene le proprie posizioni ed idee
  • Prende con determinatezza decisioni su problemi che lo riguardano, senza dipendere dagli altri
  • Dà valutazioni adeguate ai propri lavori e alle proprie capacità
  • Esprime giudizi  e opinioni personali sugli argomenti  affrontati e nei confronti delle informazioni ricevute.
  • Utilizza le valutazioni negative come strumenti per migliorare.
  • È consapevole delle proprie capacità,
  • È dinamico, rapido, attivo nello svolgimento del lavoro

 Motivazioni ed interesse (impegno)

  • Esegue regolarmente il lavoro assegnato senza controllo
  • Non si scoraggia di fronte alle difficoltà
  • È capace di concentrazione prolungata e ascolta con interesse
  • Motiva e segue ogni aspetto della lezione o delle attività
  • Mantiene gli impegni assunti e rispetta i tempi di esecuzione

 

Partecipazione

  • Segue con vivo interesse e regolarità le attività scolastiche durante le quali è capace di assumere iniziative di carattere personale
  • Reagisce con curiosità ed interesse alle situazioni nuove
  • Partecipa con spirito collaborativo alle varie iniziative scolastiche
  • Stabilisce  seri e costruttivi rapporti interpersonali fra i compagni
  • Collabora nelle attività di gruppo offrendo la sua abilità organizzativa
  • Assume facilmente la leadership del gruppo
  • Autocontrollo
  • Affronta i problemi e le difficoltà senza rinunciarvi prima di provare affermando di non essere capace
  • Controlla i propri stati emotivi durante le varie attività
  • Possiede sempre un atteggiamento positivo di fronte ad ogni evenienza

Autocontrollo

  • Affronta i problemi e le difficoltà senza rinunciarvi prima di provare affermando di non essere capace
  • Controlla i propri stati emotivi durante le varie attività